Programma

Qui troverai tutte le informazioni sul
Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti

Come arrivare

Il Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti si svolge presso Piacenza Expo

Loc. Le Mose, Via Tirotti 11 - Piacenza

3 padiglioni interamente dedicati a quasi 900 Vignaiole e Vignaioli da tutta Italia, più una tensostruttura che ospiterà decine di Artigiani del Cibo.

Orari

Sabato 26 novembre 2022

Apertura cancelli ore 11.00,
chiusura ore 19.00

Domenica 27 novembre 2022

Apertura cancelli ore 11.00,
chiusura ore 19.00

Lunedì 28 novembre 2022

Apertura cancelli ore 11.00,
chiusura ore 17.00

Masterclass

Le Masterclass del Mercato dei Vini sono realizzate in collaborazione con ALMA – La scuola internazionale di cucina italiana.

ore 11.30 - 13.00

TREBBIANO D’ABRUZZO, TRA PASSATO E FUTURO

Cinquantanni fa nasceva la DOC Trebbiano d’Abruzzo: iniziava il cammino verso la valorizzazione di un territorio di grande vocazione attraverso un vitigno dall’identità complessa. A mezzo secolo di distanza, il Trebbiano ha conquistato l’attenzione che merita, ma soprattutto è diventato oggetto della cura e della competenza di tante/i Vignaiole/i abruzzesi, che lo interpretano con passione e originalità, nel rispetto di una tradizione secolare. Andiamo a conoscerlo meglio degustando 6 annate speciali di altrettante aziende associate FIVI.

Conducono Emilio Rapino (Vignaiolo in Abruzzo), Ludovico Botti (Vignaiolo nel Lazio) e Paolo Trimani (enotecaro e Vignaiolo).

In degustazione

  • Emidio Pepe – Trebbiano d’Abruzzo DOC 2004
  • Speranza Edoardo – Trebbiano d’Abruzzo DOC “Impeto” 2009
  • Fattoria Teatina – Trebbiano d’Abruzzo DOC “Fa’bene” 2014
  • Cirelli Francesco – Trebbiano d’Abruzzo DOC “Anfora” 2017
  • De Angelis Corvi – Trebbiano d’Abruzzo DOC “Fonte Raviliano” 2018
  • Cataldi Madonna – Trebbiano d’Abruzzo DOC 2021
ore 14.30 - 16.00

LES CRÊTES : ATTITUDINE CONTEMPORANEA E IDENTITÀ CRISTALLINA

Come l’innovazione ha supportato Les Crêtes nel valorizzare un territorio come la Valle D’Aosta?
Lo scopriremo attraverso una degustazione di 3 tipologie di vini di Les Crêtes tappati con chiusure innovative e sostenibili.

Gabriele Gorelli, primo Master of Wine italiano e Brand Ambassador Vinventions, dialoga con Matilde Poggi (Vignaiola in Veneto, Presidente CEVI e già Presidente FIVI) e con Raffaele Crotta, enologo di Les Crêtes, azienda guidata da Costantino Charrere, primo presidente di FIVI.

In degustazione

  • Les Crêtes – Pinot nero Valle d’Aosta DOC 2021
  • Les Crêtes – Cornalin Valle d’Aosta DOC 2021
  • Les Crêtes – Pinot Grigio Brulant Valle d’Aosta DOC 2021 e 2019
ore 11.30 - 13.00

IL “VOGLAR” DI PETER DIPOLI: UN SAUVIGNON DI MONTAGNA

Sui pendii terrazzati situati tra i 500 e i 600 metri a Penone, una frazione di Cortaccia (BZ), Peter Dipoli coltiva il suo Sauvignon. Lo ha chiamato “Voglar”, come l’antico nome della zona. Posizione, altitudine e natura calcarea di quel territorio creano le condizioni per la produzione di un vino bianco unico. Cinque annate ce lo faranno conoscere in tutte le sue sfumature, grazie alla presentazione del suo creatore, Peter Dipoli, tra i fondatori e pionieri di FIVI.

Conduce Peter Dipoli (Vignaiolo in Alto Adige) con lo scrittore Massimo Zanichelli.

In degustazione

  • Alto Adige Sauvignon DOC “Voglar” Peter Dipoli: 2010, 2013, 2015, 2018, 2019
ore 14.30 - 16.00

IL BARBARESCO “BASARIN”: UNA STORIA DI FAMIGLIA

Il 1968 è stato l’anno della svolta: la famiglia Adriano, originariamente mezzadri, acquista la sua prima cascina nella frazione San Rocco Seno d’Elvio ad Alba. Nel 1994 Marco e Vittorio imbottigliano il loro primo vino, iniziando così la loro storia di Vignaioli indipendenti. Attraverso 5 annate del loro Barbaresco DOCG “Basarin” scopriremo le caratteristiche di un cru che entra nella storia degli Adriano per la prima volta nel 2000, con la prima vinificazione.

Conducono Michela Adriano (Vignaiola in Piemonte) e Claudio Fenocchio (Vignaiolo in Piemonte).

In degustazione

  • Barbaresco DOCG “Basarin” Adriano Marco e Vittorio: 2000, 2005, 2013, 2017, 2019